Sacerdoti Coraggiosi: la storia

Come rispondono alcuni sacerdoti quando si trovano ad affrontare il tema dell’omosessualità? Alcuni sacerdoti consiglierebbero ad un uomo o a una donna alla ricerca di consigli su come affrontare le proprie attrazioni omosessuali: “accettati per ciò che sei e trovarti un amante fisso – va tutto bene se si è in una relazione stabile.”

Altri direbbero: “Semplicemente prova a non pensare a questo genere di cose.” Oppure potrebbero dire: “Sposati – stare con una persona del sesso opposto ti curerà”.

Ad alcuni penitenti è stato anche detto: “Vattene dal mio confessionale”, mentre altri sacerdoti hanno alzato le braccia e detto: “Non so cosa dirti a riguardo.”

Poi ci sono sacerdoti che indirizzerebbero le persone verso gruppi di “spiritualità gay e lesbica”, scarsamente preoccupati dell fatto che la spiritualità e la moralità insegnata in questi gruppi sia o meno autenticamente cattolica.

Come risponderesti, in qualità di sacerdote fedele al magistero, quando qualcuno ti confida che è combattuto sulla propria omosessualità? Come rappresentante di Cristo, vorrai rispondere con gentilezza, pazienza, comprensione e fedeltà alla verità.

Invitiamo i sacerdoti come te, che sono preoccupati di rispondere a questo problema con compassione, amore e con la piena verità degli insegnamenti della Chiesa, di aderire a Sacerdoti Coraggiosi.

Cos’è Sacerdoti Coraggiosi?

Sacerdoti Coraggiosi è una rete di sacerdoti impegnati ad aiutare le persone che si sentono combattute tra omosessualità, amore di Cristo e insegnamenti della Chiesa cattolica, in particolare per quanto riguarda la castità.

Ci auguriamo che la crescita di questa rete si traduca in un elenco mondiale di contatti attendibili e fidati che costituiscano risorse per il sostegno spirituale. Ciò contribuirà ad alleviare i gravi oneri che ciascun sacerdote sperimenta quotidianamente nel proprio ministero.

Comments are closed.